Archive for Luglio, 2020

Dolomiti

Come ogni anno a Luglio è sembrata  un’impresa trovare 4 o 5 giorni per scappare in Dolomiti, però poi i posti son talmente appaganti che sale la motivazione per farlo anche l’anno a venire!

Questa volta abbiamo fatto base a Colfosco. I primi giorni son stati caratterizzati da un tempo grigio e freddo, poi è scoppiata l’estate.

Day 1 abbiamo optato per una via bassa in quota, esposizione S.  Non era nei programmi, è uscita come per magia dal web e ci ha incuriositi.  Il monte Steviola si trova all’imbocco della Val Lunga, la via Elia è di recente apertura e percorribile solo con i rinvii.  Si tratta di un itinerario da 300m con 7a+ max e 6b obl.   La qualità della roccia non è sempre ottima ma l’arrampicata nel complesso divertente.  Malgrado la discesa si svolga a piedi per ripidi prati è possibile quasi sempre una ritirata in doppia.

Day 2 E’ stato quello della vietta per salir poi al Falier ed attaccare la Marmolada,  in zona Falzarego abbiamo salito Compay Segundo, una via sui 200m senza troppe pretese.  La fregatura è stata rendersi conto che le previsioni avevano cominciato ad annunciare temporali per il giorno a seguire obbligandoci a cambiar programma.

Day 3 il giornatone della trasferta!  GAM è una via di 600m e 17 tiri al Sass de Ciampac, proprio sopra Colfosco.  Esposizione sud, apertura recente e soprattutto roccia di ottima qualità.  Difficoltà 6a/6b ma continue su tutto l’itinerario con arrampicata fisica molto divertente. Ambiente spettacolare sia in salita che in discesa a piedi per tornare al passo Gardena.

Day 4 vista la minaccia temporali ed un po’ di stanchezza dal giorno precedente abbiamo optato per qualcosa di corto: Icterus alla prima torre del Sella.  Vietta breve ma intensa, il primo tiro dichiarato 6c+ è un bel bastone, noi abbiamo dato la colpa dell’intenibilità delle prese ai temporali mattutini ma in realtà il tiro è di difficile impostazione.  La parte superiore è un po’ più gentile e molto bella.  Malgrado la relazione consigli friends piccoli con uno 0,5 uno 0,75 ed un 1 si fa tutto.

Ric    26 lug. 2020

Marbruns al Trident

Diventa sempre più difficile trovare vie da ripetere che non abbia ancora percorso sui satelliti del Tacul e quando ho visto la relazione di Marbruns  ho pensato: evviva, eccone una nuova!

La via è nel complesso piacevole anche se seconda ad altre tipo Bonne Etique o Indurain.  Il primo tiro è magistrale, forse il più bello di tutti.  Una fessura di 40m solca la parete con una discreta continuità. Segue un secondo tiro mediocre tra alcuni blocchi instabili. Il terzo tiro è divertente e si conclude su un muro compatto con due spit. L4 ed L5 sono gradevoli anche se un po’ discontinui, a tratti gradonati e danno accesso alla parte terminale che è invece caratterizzata da due splendidi tiri.  La sosta è proprio in vetta al Tridente, è bello fare il ribaltamento e sedersi sul piatto a rimirare chi scala sul Capucin e magari avere la fortuna di vedere qualcuno che esce sulla Chandelle, la foto merita 😉

La relazione si trova a questo link:  https://www.guidemontblanc.it/arrampicata-courmayeur/relazioni-vie-di-roccia-alta-montagna/

Ric 08 Lug. 20

Boccalatte Climb

Questo week end per sfuggire alle folle, io ed il capitan Navarro, appositamente sceso dalla navicella spaziale, abbiamo deciso di camminare un po’ di più e dirigerci su due vie non proprio ultra percorse.

Sabato mattina abbiamo intrapreso la salita verso il Boccalatte alle 10.30 sotto un sole che tirava cazzotti ben assestati.  Una volta giunti al rifugio, breve pausa, una birretta per reintegrare i sali e siamo andati a vedere una via aperta da E. Bonfanti alla Bouteille:  Cuvée  18° anniversaire.  4 lunghezze di corda con discesa in doppia, giusto quel che ci serviva per riempire il pomeriggio.  La roccia è ottima, il secondo tiro particolarmente bello.  Una serie fino al #2 Camalot è più che sufficiente per integrare.

Domenica la nostra idea sarebbe stata quella di ripetere Horizon Vertical alla punta Massimo ma le colate d’acqua presenti sulla parte bassa dell’itinerario ci han fatti desistere già sull’avvicinamento, una volta fatto demi tour abbiamo ripiegato sulla recente nata “lezioni di piano”, via aperta da M. Ogliengo.

Una bella voragine separava  la neve dalla roccia, “terminale da negoziare” come ha scritto l’apritore. La via ha una chiodatura abbastanza distanziata e diversi passi obbligati sul grado, il quarto tiro ha un passaggio in alto che si aggira sul 6c in libera ma è facilmente azzerabile, consigliato sfalsare bene le corde ed allungare le protezioni visto il percorso ad S.  Consigliata una serie di friends fino al #2 inclusi i C3 e 10 rinvii.  Discesa in corda doppia.

La via è meritevole di ripetizione.  Relazione al seguente link: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1665482333593012&set=pcb.1665482650259647&type=3&theater

Ric    4-5 Lug. 2020

Cuvée L2
Cuvée
tornando al Boccalatte, dietro la Bouteille
Tour des Jorasses, sul primo contrafforte Lezioni di Piano