Archive for Luglio, 2019

Valsoera, Imagine

Valsoera, Imagine

Ultima nata della parete, trova ancora degli spazi interessanti su un muro ricco di vie.  La parte bassa riserva qualche bel passaggio ma il cuore della via è costituito dai tre tiri centrali di 6c+, 7a e 6c.  Tre lunghezze molto belle e caratteristiche!

Noi siamo partiti in giornata da sotto ma sicuramente un pernotto al Pontese rende la giornata meno faticosa!  Al momento non si pestano nevai per arrivare all’attacco.

Una serie completa fino al tre e doppi dallo 0,4 al 1 per noi è stata sufficiente.  I nut piccoli servono solo se si vuol fare in artificiale il tiro di 6c+ che altrimenti si scala sullo spigoletto di sx con una discreta esposizione tra gli spit. Le tacche son sincere ma bisogna scalare bene sul livello 6c.

Meritevole!

Ric  24 Lug. 2019

Dolomiti 2.0

Dolomiti 2.0

E’ stata una fuga rapida, giusto un week end allungato per tre vie che poco hanno a che vedere con la visione classica delle Dolomiti a chiodi!

– Croda da Lago   My sweet dogs/Dibona  (7a max, 6b obl.)

– Gran torre del Falzarego    The wall   (7a+ max, 6b+ obl.)

– Saas de Stria   Ultimo Tule  (6c max, 6b obl.)

Sono tre vie su ottima roccia a spit dove è bene avere qualche friend dietro, come scritto sulle relazioni, ma dove si scala prevalentemente protetti da spit.

La bellezza dei posti è quella classica dolomitica e lo stesso vale per le discese che si svolgono sempre a piedi, talune volte su cengie e canali esposti.  Una fuga in doppia è possibile ma non è il metodo di discesa da privilegiarsi.

Ric 13 Lug. 2019

Blatiere – Midi

Blatiere – Midi

Con il caldo e l’alta pressione dei giorni scorsi salire in quota si è rivelato imperativo! 

Penso che tutte le volte che in passato avessi scalato in Blatiere mi fosse presa una ghiacciata alle mani sul primo tiro o quantomeno di non esser mai riuscito a partire in maniche corte!  Ovviamente l’idea di andare a scalare in ombra non è venuta solo al sottoscritto ed il settore si è rivelato un po’ affollato!  Fatta eccezione per Nabot Leon e L’eau rancie… le cordate si son ben distribuite sulle vie.  Noi abbiamo optato per Tsarmania, una new entry che Piola ha deciso di realizzare in occasione della richiodatura del settore avvenuta nel 2017.   Qualche bella fessura tra placche resinate, poco gentile nel grado. 7 lunghezze di corda che arrivano sulla cima del Pilier Rouge.  Quando è comparso il sole la situazione è peggiorata drasticamente, nel ritorno alla macchina dalla stazione della funivia si è rischiato il collasso!!  35° in Chamonix non si erano ancora visti!!!  E’ per questo che ero scettico nei confronti dell’idea di Lino di andare a far la Contamine alla Midi il giorno successivo!  In realtà il sole era aggressivo ma l’ambiente ben ventilato e la scalata è risultata piacevole!  Che bella via, non la ricordavo così interamente in fessura! Molto meritevole!  La nostra scelta è stata quella di calarci da sopra, arrivati alla sosta a bordo tetto della Rebuffat ci siamo legati ed abbiamo fatto un tiro in orizzontale sotto il tetto lungo circa 20m, difficoltà attorno 6a, proteggibilità ottima, che  arriva direttamente alla prima sosta della Contamine sotto la fessura ad arco.

Ric   30 Giu 2019

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA