Archive for Febbraio, 2020

Dolo ice 2.0

Nuova piccola trasferta dolomitica a salire due linee che avevano catturato la nostra attenzione in occasione della prima fuga dall’Ovest:  Hruschka al Monte Pisciadù e L’ciamin al Passo Gardena.

Temperature ancora adeguate e ghiaccio in buone condizioni specie sulla prima mentre L’Ciamin accusa i passaggi e comincia ad essere difficilmente proteggibile e secco in alcuni tratti.

Ric 20-21 Feb. 2020

Pisciadù

Free ride Dreaming

Free ride Dreaming è il nome del corso di free ride organizzato dalla Sezione Universitaria del Club Alpino Italiano, sez. Torino che ogni anno viene tenuto in collaborazione con alcune guide alpine di cui ho l’onore di far parte.

Questo sabato abbiamo scelto Valloire come destinazione, località che non avevamo mai frequentato durante questo corso.

Le condizioni si son rivelate al di sopra delle aspettative e siamo riusciti a tirare qualche bella sciabolata. Itinerari free ride interessanti e gruppo motivato son stati ingredienti vincenti.

foto: @guidociok

Ric 17 Feb. 2020

Ridimensiona-di20_02-FreeRideDreamingValloire-1-di-105

UNESCO, Mucrone M7 4+

UNESCO, Mucrone  M7 4+

E’ di Gennaio 2020 la prima salita di questo itinerario, le cui difficoltà sono racchiuse in 4 lunghezze, che permette di raggiungere la vetta del Mucrone.  La nostra idea sarebbe stata quella di abbinarlo alla vicina Spin Drift per “ammortizzare” l’avvicinamento. Abbiamo voluto crederci malgrado il rialzo termico previsto, considerando che il ghiaccio non sarebbe stato l’elemento prevalente delle salite. Non è stato così!  Spin Drift non si è neanche lasciata avvicinare, il suo aspetto bianco cadaverico ha fatto sì che ne decretassimo la quarantena già nell’avvicinamento.  Abbiamo attaccato Unesco con l’idea di confidare negli spit presenti, verificando metro  per metro le condizioni.  Aggiungendo qualche friend siamo riusciti ad effettuare una progressione sicura su un ghiaccio quasi cadente e raggiungere la sommità.  Con due doppie fuori via siamo rientrati a terra e scappati dalla parete che di tanto in tanto lanciava segnali materiali di disgelo nel canalone sottostante.  Peccato, un inverno poco degno di questo nome.

Al di là della condizione attuale, la linea è molto divertente e ben protetta, si lascia scalare senza grosso stress ed è situata in un bell’ambiente, speriamo che si riformi anche in anni successivi perchè indubbiamente merita avere delle ripetizioni, bravo Stefano Perrone.  

Ric  2 Feb 2020

Parete E