• en
  • fr
  • it
Guida Alpina - professionisti dell'alta quota

Chamonix-Zermatt

sci-alpinismo-mountain-passion

Durata: 5 giorni
Periodo: Marzo-Aprile-Maggio-Giugno.
Tariffa: € 420.00/persona*
Gruppi: min 3 max 6 persone

* Il costo comprende l’assistenza di una Guida Alpina, l’A.R.V.A., l’imbragatura, il materiale alpinistico necessario, ed il pulmino per lo spostamento Cervinia-Zermatt.

La traversata Chamonix – Zermatt, pur non raggiungendo cime particolarmente elevate (la vetta più alta è la Pigne d’Arolla 3796m) è sempre impegnativa e richiede un buon allenamento. Può essere compiuta con innumerevoli varianti, ciascuno potrà quindi studiare sulla carta il percorso migliore e decidere in funzione delle condizioni di innevamento e della propria preparazione. Il vero obiettivo è, in ogni caso, raggiungere Zermatt. Proponiamo qui una versione della Chamonix-Zermatt un po’ più “leggera”.

La stagione migliore è a cavallo dei mesi primaverili di aprile e maggio, periodo nel quale la traversata è anche molto frequentata. Anticipando un po’ si trova molta meno gente e neve ancora polverosa!

Programma

1° giorno
Da Argentiere (Chamonix) si raggiunge la stazione della funivia dei Grands Montets (3297m), salendo fino alla stazione finale. Da qui si comincia con una bella discesa sul sottostante Ghiacciaio d’Argentiere, che attraversato in piano conduce alla base dei ripidi pendii che portano al Col du Chardonnet (3323m). Da qui un breve tratto di ripida discesa che si effettua spesso legati e assicurati permette di raggiungere il plateau del Ghiacciaio di Saleina, e rimesse le pelli la Fenetre de Saleina (3261m). Da questo colle finalmente in discesa fino alla Cab. du Trient (3170m) che si raggiunge con un’ultima breve risalita.

2° giorno
Dalla capanna, scesi lungo il Ghiacciao del Trient per circa 300m di dislivello si piega a destra per il Col des Ecandies (2796m) che permette di raggiungere il Vallone d’Arpette che a sua volta, con entusiasmante discesa, conduce a Champex (1498m). Dal simpatico paesino in bus si raggiunge Orsieres e quindi prima in treno e poi da Martigny di nuovo in bus si arriva ad Arolla (in questo modo si evita di attraversare il massiccio del Grand Combin, traversata però splendida e assai consigliabile con più tempo a disposizione, Vedi il programma Mont Gelé-Grand Combin).

3°giorno
Da Arolla si sale con lo skilift fino al termine delle piste, quindi si prosegue verso il Pas de Chevre 2855m (ripida scaletta per scendere circa 40m), per raggiungere poi l’accogliente Cabanne de Dix (2928m) dove si pernotta. Salendo con lo skilift di Arolla, che permette di risparmiare circa 500m di dislivello, si ha il tempo per fare nel pomeriggio dalla Cab. de Dix la bella salita e splendida discesa de La Luette (3548m), panoramica cima che si alza dietro il rifugio.

4° giorno
Dalla Cab. de Dix si riattraversa il Ghiacciaio de Cheilon per risalire i pendii verso il Col de la Serpentine quindi si piega a sinistra e raggiunta la vetta della Pigne d’Arolla si ammira uno stupendo panorama. La discesa sui ripidi pendii che piombano sulla sottostante e vicina Cab. des Vignettes (3158m) sarà la ciliegina sulla torta di una giornata splendida.

5° giorno
La tappa conclusiva e la più lunga. Dalla Cab des Vignettes si scende leggermente per poi attraversare tutto il Ghiacciaio del Mont Collon fino al Col de l’Eveque (3392m). Quindi breve discesa fin sotto il Col du Mont Brulè (3213m) che risalito e valicato (tratto da fare a piedi) fa accedere nell’alto bacino della Valpelline sopra il Rif. Aosta. Dal colle si scende nuovamente traversando sotto le rocce, quindi, rimesse le pelli, si compie l’ultimo lungo tratto in salita fino al Col de Valpelline (3568m), dal quale comincia poi la lunga e splendida discesa su Zermatt. Si rientra poi a Cervinia con gli impianti da sci e poi, in pulmino, a Chamonix per riprendere le macchine.

Contatti

Leggi la nostra esperienza nel blog. “Chamonix-Zermatt, la traversata più bella delle Alpi“.