Sardegna climb

Se devo dirla tutta non avevo sta gran smania di andare in Sardegna ad arrampicare. Ancora troppa voglia di sciare e gran paura di perdere delle “top condì” per discese raramente fattibili o molto belle….Il profumo della macchia mediterranea, la roccia perfetta, il mare caraibico, il guttiau,il pecorino e l’Ichnusa ci hanno messo poco a farmi cambiare idea.

Stefano arrampica solo da due anni. E, lavorando nei pressi di Ivrea, scala nelle pause pranzo nelle falesie più brutte che si possano immaginare: Monte Nero, Tavagnasco, Quincinetto, Monte Strutto…tutte falesie con prese scavate su roccia mediocre che però gli hanno permesso di sviluppare un gran livello di forza. Prima che scoppiasse il gran caldo siamo riusciti a fare la mia Africa (fam.Oviglia) al Monte Oddeu, una via placcosa molto bella, la gran classica della zona di Dorgali.

Il secondo giorno siamo andati all’aguglia di Goloritzé, dove abbiamo salito quella che viene considerata una delle vie più bella d’Italia: il mio veleno, una via fantastica di Lorenzo Nadali, un vero capolavoro su roccia perfetta che racchiude tutti gli stili, dallo strapiombo alla placca, passando attraverso muri costellati di fessure, buchi e tacche…un vero must! Ultimo giorno su un altro gioiello firmato Oviglia-Ogliengo-Raspo, Mediterraneo alla Punta Girardili. E ora si ritorna in continente, aiò!!

Rouge

Share this…

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Comment

Name

Email

Url


ArabicEnglishFrenchItalianRussian