E’ un periodo di innevamento particolare! Sopra i 2000m le condizioni del manto sono ancora molto buone e dopo il caldo dei giorni passati, si è avuto un ottimo rigelo. In realtà il vento da N dei giorni scorsi, che tanto è stato apprezzato dai kiters, ha peggiorato moltissimo le condizioni sciistiche sui versanti N che risultano ora di neve dura e ghiacciata.

Noto tutto questo, il nostro obbiettivo era una S ma per svariati motivi abbiamo deciso per un ripiego ed ovviamente la conferma è arrivata puntuale! Da sopra la parete, per quanto visibile, appariva ben imbiancata e senza ghiaccio affiorante, in realtà il fondo era molto duro. In questo momento la sconsiglierei, la sciata è poco divertente e più pericolosa del solito.

Noi siamo partiti in giornata dal Pian della Mussa per una realizzazione “en boucle”. Il canale delle capre è ancora ben innevato e con la neve dura del mattino è sicuramente più comodo risalire a piedi con i ramponi.

Dalla vetta, che abbiamo raggiunto verso le 9.30, la discesa è diretta, una volta alla base della N abbiamo ritenuto più comodo salir i pendii nevosi a fianco della parete, lato col Tonini, ritornando sulla cresta O della Ciamarella, da qui abbiamo calzato nuovamente gli sci ed affrontato un ripido pendio sospeso su barre rocciose per prender piede sul ghiacciaio della Ciamarella e quindi giù fino al fondo. Con questa combinazione il dislivello di giornata arriva a circa 2150m.

Ric