Uscita speciale del gruppo SUCAI per una due giorni d’eccezione!

Partiamo il sabato con il pullman da Torino in direzione Cervinia per scendere sul lato svizzero in modo da prender gli impianti per arrivare al piccolo Cervino. Quando giungiamo in vetta l’orologio segna le 11.00, la temperatura è abbastanza alta ma il vento con raffiche a 100km/h non permette di percepirlo in maniera chiara! In ogni caso gli orari ci impongono un ritmo serrato per evitare di perder l’ultima risalita da Zermatt! Ci dirigiamo spediti alla Porta Nera e malgrado il match di box tra un partecipante ed un cavo in acciaio, vinto ovviamente dal cavo d’acciaio al primo round per KO, alle 12.30 cominciamo la nostra discesa! La neve è bella ma non idilliaca come avrebbe potuto essere per colpa di un vento martellante!

Alle 16.00 raggiungiamo di nuovo Plateau Rosà e comincia il relax, il nostro programma prevede infatti di trascorrer la nottata al rifugio delle guide, così si parte con i giri di birra!

La domenica mattina partiamo per tempo in direzione Cime Bianche per poi proseguire la discesa sul lato di Champoluc che raggiungiamo in prima apertura degli impianti! Per metà mattinata siamo a Gressoney e di lì risaliamo fino ad Indren, poi al Mantova per andare ad imboccare la Val Perduta! Una lunga discesa ci riporta in una Gressoney ancora baciata dal sole dove decidiamo di concluder la giornata crogiolandoci nel piacere di qualche panino ed ancora birra!

Il ritorno in pullman sarà in pieno stile SUCAI, ma questo sarebbe un racconto con dettagli sconcertanti e pertanto censurato da questo post! 😉

Ric