La Tete de Grammussat è sicuramente il posto più incredibile che abbia visto al mondo per arrampicare su ghiaccio. Una concentrazione di linee difficili così alta con una lunghezza che le avvicina quasi più ad una salita in montagna che a cascate di ghiaccio ed una difficoltà d’ambiente elevata per la mancanza di ancoraggi e la presenza di minacciose frange sospese! Ieri su consiglio dell’amico Olivier abbiamo colto l’attimo per andare a vedere una delle linee che han fatto la storia di questo posto: Blind Faith. Il nome la dice lunga! Si tratta di una colonna di circa 50m posta a 200m dal suolo, protetta da mura di frange strapiombanti e rampe di ghiaccio. In apertura il free standing aveva dimensioni che si potrebbero definire imbarazzanti, in questo momento la struttura è apparentemente solida e ben percorribile. Forse la maggior difficoltà tecnica della via si incontra sul secondo tiro, chiamato “le passage”, 3 spit proteggono un passo di M6/M7 con un vuoto che ti inghiotte!Nella giornata in cui siamo saliti noi il rialzo termico ha reso tutto un po’ più colante, ottimo per la progressione, un po’ meno per la tranquillità durante i transiti sotto le stalattiti pensili.

Una linea d’eccellenza, un sesto più da non mancare per gli amanti del genere!