• it
Guida Alpina - professionisti dell'alta quota

All posts tagged scialpinismo

21-28 Aprile ’17 SCIALPINISMO IN NORVEGIA – POSTI LIMITATI

Questa proposta di viaggio, nella zona più settentrionale della Norvegia (Tromso), oltre il circolo polare artico, permette di effettuare molti itinerari di scialpinismo, di ammirare paesaggi mozzafiato sulle cime innevate e i fiordi e di osservare l’aurora boreale. Ogni giorno dal nostro cottage dotato di tutti i comfort, partiremo per varie salite sulle cime che costituiscono la spina dorsale della penisola di Lyngen (Lyngen Alps). Queste montagne uniche e incontaminate situate su una penisola, si ergono direttamente dai fiordi. Il territorio è caratterizzato da ghiacciai dal blu intenso, fiumi con le loro cascate e scintillanti laghi montani. Ogni sera sarà l’occasione per osservare l’aurora boreale passeggiando in riva al mare oppure effettuando una breve gita sci alpinistica in notturna per avere una visione del cielo aperta a 360°.

Quando: 21-28 Aprile 2017

Gruppi: max 5 persone

Per ulteriori informazioni contatta la guida Roberto Rossi

Nacamuli – Aosta

E’ stato un mini raid di tre giorni quello dello scorso week end che ha in parte ripreso i percorsi dell’Haute Route Chamonix-Zermatt. In dubbio sino all’ultimo per questioni meteo, abbiamo annullato il venerdì posticipando al giorno successivo e così sabato mattina mi son ritrovato con una simpatica equipe svizzera al lago di Place Moulin per partire in direzione Rifugio Collon.

Il costeggiamento del lago è sempre una cosa che detesto ma partire sulla traccia alta ci ha dato ragione ed a metà percorso abbiamo già potuto calzare gli sci. Contro ogni previsione la sera si è rasserenato tutto ed il morale è inevitabilmente cresciuto, sensazione piacevole durata fino al mattino quando ci siamo risvegliati nella tempesta sotto una nevicata!

Abbiamo fatto colazione, lasciato che i più caldi partissero nella tempesta ed abbiamo provato a rilassarci giocando a scacchi e carte! Verso le 10 il buon umore si stava convertendo in irritazione ma per fortuna il sole ha pensato di farsi vedere in un cielo grigio e così abbiamo deciso di salire almeno al col Collon a vedere cosa poi sarebbe successo. Una volta raggiunto qualche schiarita ci ha lasciati ben sperare ed allora via! Abbiamo aumentato il ritmo per cercare di raggiungere l’Aosta passando dapprima per il col Brulè poi per la Division dove ci siamo calati con una doppia da 60m. L’arrivo sull’Aosta nella nebbia totale è stato impegnativo ma l’accoglienza di Diego ci ha ripagati della fatica!!

Che dire? Dopo aver cominciato una reidratazione a The abbiamo poi proseguito con un’ascesa in gradazione alcolica che è ultimata verso mezzanotte con gli ultimi bicchieri di Genepì! La mattina dopo la sveglia è arrivata come una sciabolata ma finalmente il cielo era terso e così siamo partiti alla volta della spalla della Dent d’Herens, un percorso bellissimo su un ghiacciaio importante fino ai 4000m da cui ci si può affacciare su Cervinia. La discesa è stata idilliaca con innevamento fino al rifugio di Prarayer.

Ric
18-19-20 Aprile.

Breche Puiseux

La Breche Puiseux è un colletto che separa il lato Valleè Blanche dal lato Leschaux, incassato tra belle guglie di roccia: Les Periades.

“Pierre Puiseux è stato un astronomo francese (1855-1925). Visto che le periades sono delle stelle tutto quadra” mi dice Danilo il giorno dopo la nostra salita! E’ stato il sole a farcele vedere, per il suo calore che ci ha arsi durante la risalita del canale sommitale!!

Nel complesso una gran bella gita, condizioni più che buone con una discesa gradevole sotto le Jorasses.

Ric

Gran Vaudala e Galisia

Erano anni che non venivo al rifugio Benevolo. L’ultima volta forse 15 anni fa. Avevo fatto la Calabre, ero con mio padre.

Mi piace un sacco fare sci alpinismo in questa stagione; poca gente, condizioni eccezionali, pieno di animali: marmotte che escono dalle tane e prendono il sole dopo il rigido inverno trascorso sottoterra, camosci e stambecchi che pascolano tranquilli sui pendi a sud e l’aquila che ti gira sopra la testa. Abbiamo salito la Gran Vaudala il primo giorno e la Galisia il secondo.

Due gite dal giusto dislivello e dal panorama eccelso… dalle vette si dominano l’alta valle Orco e la Valsavaranche. Freddo intenso in quota, neve polvere nella prima parte, poi firn. Di quel firn che la pashmina è meno liscia. Di quel firn dove l’unica cosa da fare e mollare gli sci a balla.

Un grazie di cuore per l’accoglienza a Mathieu Vallet, gestore del Rifugio Benevolo oltre che grande Guida Alpina.

A presto. Ancora sugli sci.

Rouge

Colle del Lys scialpinismo

Con gli amici svedesi ci siamo concessi una bellissima discesa dal colle del Lys sul Monte Rosa. Non abbiamo effettuato la discesa classica ma la Sud Ovest del Liskamm, più ripida e divertente. L’ingresso nella Valle Perduta risulta agevole e ben innevato. Neve polvere fino in fondo sui versanti esposti all’ombra, pappa al sole oramai primaverile.

A presto!

Rouge

Sigaro + Entrelor

Due giorni di scialpinismo nelle magnifiche Valgrisenche e Val di Rhemes…poca gente e ottime condizioni! In questi stupendi posti si respira ancora un’aria pulita di Montagna!

Il Sigaro è una gita nella magnifica Valgrisenche; questa selvaggia valle offre molte belle gite, immersi in una natura selvaggia ed incontaminata. La neve è quasi sempre di ottima qualità, anche dopo parecchi giorni in cui non nevica. Circa 1200 mt di dislivello positivi che si svolgono lungo pendii mai troppo ripidi e perciò sicuri. Destra orografica della valle.

L’Entrelor è invece una “mazzata” da 1700 mt…stessa esposizione della precedente e quindi stessa eccezionale tipologia di neve!

Rischio valanghe 2, come da bollettino, neve polvere ottima.

A presto!
Rouge.

Jannus canali

Gran giornata di sci con Martino nel comprensorio del Monginevro dove, con l’aiuto delle pelli, ci siamo regalati qualche discesa fuori dalle rotte comuni!

I canali dello Jannus sono un piccolo gioiello accessibile con un po’ di sci alpinismo dalla cima degli impianti. Gli itinerari sono ripidi, gli ingressi sui 45° e numerose balze con passaggi obbligati lungo il percorso. L’esposizione a Nord pieno garantisce un’ottima qualità della neve per lunghi periodi!!

Ric

Zerbion

28 Dic. Zerbion

Bella gita, con ottima neve e sole a go-go, mentre sulle creste di confine con la Svizzera e la Francia il vento spazzava con violenza l’ultima neve caduta nei giorni scorsi…partiti da Promiod, ottima traccia e condizioni sicure.

A presto, aspettando nuova neve!

Rouge.