• it
Guida Alpina - professionisti dell'alta quota

All posts tagged Norvegia

31 Marzo – 8 Aprile ’18 SCIALPINISMO IN NORVEGIA

Questa proposta di viaggio, nella zona più settentrionale della Norvegia (Tromso), oltre il circolo polare artico, permette di effettuare molti itinerari di scialpinismo, di ammirare paesaggi mozzafiato sulle cime innevate e i fiordi e di osservare l’aurora boreale. Ogni giorno dal nostro cottage dotato di tutti i comfort, partiremo per varie salite sulle cime che costituiscono la spina dorsale della penisola di Lyngen (Lyngen Alps). Queste montagne uniche e incontaminate situate su una penisola, si ergono direttamente dai fiordi. Il territorio è caratterizzato da ghiacciai dal blu intenso, fiumi con le loro cascate e scintillanti laghi montani. Ogni sera sarà l’occasione per osservare l’aurora boreale passeggiando in riva al mare oppure effettuando una breve gita sci alpinistica in notturna per avere una visione del cielo aperta a 360°.

Quando: 31 marzo – 8 Aprile Aprile 2017

Gruppi: max 8 persone

Per ulteriori informazioni contatta la guida Roberto Rossi +39 3488095507

Sci alpinismo a Lyngen (NORVEGIA)

La guida alpina Roberto Rossi propone questo viaggio nella zona più settentrionale della Norvegia (Tromso) oltre il circolo polare artico. Itinerari di sci alpinismo, paesaggi mozzafiato sulle cime innevate, fiordi, ghiacciai dal caratteristico blu intenso.

Un cottage dotato di tutti i comfort sarà il punto di partenza delle nostre salite sulle cime che costituiscono la spina dorsale della penisola di Lyngen (Lyngen Alps).

Ogni sera sarà un’occasione per ammirare la mitica aurora boreale, passeggiando in riva al mare oppure per chi ancora avesse voglia di infilarsi gli sci dopo la gita del giorno, verrà accompagnato in una notturna da ricordare.

Quando: 18 – 25 Febbraio 2016

Viaggio di gruppo: max 6

Per ulteriori dettagli e informazioni, è possibile scaricare la brochure e/o contattare la guida

logo-guide-2

 

Roberto Rossi

 

scarica la brochure

7 giorni a Rujukan in Norvegia

Siamo partiti il 26 Febbraio, direzione Grande Nord, alla ricerca del freddo che quest’anno dalle nostre parti non si è fatto vedere!

Appena arrivati il fato si è mostrato avverso: dapprima lo smarrimento di un bagaglio, poi la non disponibilità di vetture, il navigatore che non voleva saperne di navigarci, neve continua su tutto il tragitto e per finire il tunnel sulla provinciale n° 37 chiuso per rischio valanghe che ci ha obbligati ad un giro infinito!

Il secondo giorno è stato trascorso, per la prima ora, a scacciare il malocchio degli amici invidiosi con tutte le tecniche conosciute e così, alle 10, è arrivata la telefonata dall’aereoporto che annunciava la consegna del bagaglio smarrito! Da quel momento le cose hanno cominciato a prendere una piega differente e tutto ha cominciato a funzionare!

A caratterizzare il periodo sono stati: la neve continua ed il cielo grigio oltre che temperature tutt’altro che norvegesi! Per fortuna nei periodi precedenti le cose erano state differenti e siamo riusciti a trovare ancora belle possibilità per scalare!

Abbiamo ripetuto quasi tutti i tiri di Krokan Canyon e ci siamo concessi una visita a KongVinter, una a Sabotorfossen ed una alla magica linea di Lipton. L’avevo già percorsa anni addietro, ma questa volta tutte le candele erano formate e l’esteticità della cascata era veramente notevole!

Lipton quest’anno si saliva con 3 tiri, il primo era un bel verticalone che portava sotto il tetto da cui si origina la candela che crolla un paio di volte all’anno e che quando è in piedi prende il nome di Lipton Direct. Il secondo tiro è un traverso su esili frange che si proteggono alla radice, fino a raggiungere la colonna della diretta che si risale fino alle cenge superiori. Il terzo tiro, quest’anno, aveva caratteristiche stalattitiche! Estremamente elegante seppur meno giallo di quanto me lo ricordassi! La linea è entusiasmante, l’abbiamo raggiunta risalendo la gorgia dal basso e forse la scelta è vincente rispetto all’accesso dall’alto che avevo preferito la scorsa volta. Temo che ormai sia fuori stagione, ma un friend 2 Camalot non è male sul secondo tiro!

Ric