• it
Guida Alpina - professionisti dell'alta quota

All posts tagged Lamet

Steep kiting! Moncenisio

Una delle ultime uscite di quest’anno per concludere in bellezza la stagione!  Finalmente la strada del Moncenisio è aperta e come tutti gli anni, in questa stagione, approfittiamo per un’uscita tardo primaverile!  Oggi si cammina una ventina di minuti per raggiungere le zone con innevamento continuo ad una quota di circa 2300m.

Ieri Eolo ha tardato ad arrivare ma fortunatamente la neve non ha mollato troppo velocemente ed abbiamo potuto prolungare la sessione fino a sera accumulando un dislivello positivo di circa 4000m. Belle sciate su pendenze sostenute, qualche ingaggio in salita ma il vento leggero ha permesso di spingere anche su terreni insidiosi!

Ric,    10 Maggio 2015

Kite session alla Pointe Lamet

Un’altra giornata fuori dal comune! Sabato mattina partiamo alla volta del Moncenisio vista la giornata magnifica e l’annunciato NO! L’obbiettivo è chiaro, voglio portare Umby nello spot che ho scoperto l’anno passato! Alle 9.30 siamo al fondo della strada asfaltata e cominciamo l’avvicinamento con le pelli. Alla dogana la ventilazione è già ottima così apriamo! Parto io, segue Umby e dietro Erika che con la vela da 9 fatica un po’ di più! In poco raggiungo i piani a fianco della diga, nell’attesa dei soci mi spingo in direzione Italia fino sopra i fortini, la neve è fantastica: un tappeto portante, all’orizzonte solo il blu del cielo ed il bianco scintillante della neve! Umby mi raggiunge e giochiamo un po’ ai piedi della parete S del Lamet.

Ad un certo punto provo ad affrontare i pendii più ripidi e tutto sommato la trazione è buona, comincio ad addentrarmi per la parete con l’idea di salire giusto un po’ per provare la sensazione, poi innanzi a me un grosso masso con un passaggio obbligato, la sfida mi intriga, provo e passo oltre… continuo così per una quarantina di minuti, il vento è intenso e risalgo a buona velocità, dopo un po’ perdo di vista gli altri nei pianori sottostanti, sono salito veramente tanto, le rocce affiorano in diversi punti e la cresta di confine con il vento più forte è vicina. Supero un fortino invisibile da sotto e arrivo fin sotto le rocce sommitali, a questo punto, in un vicolo cieco, tiro un sospiro di sollievo e chiudo l’ala! Il panorama è fenomenale, 1200m sotto scorgo i miei soci nei piani, peccato non aver portato i bastoncini! La neve è fantastica e la discesa non da meno!

Quando raggiungo Umby sono entusiasta, mi chiede dettagli e decidiamo di ripartire insieme, raggiungeremo metà parete, poi di nuovo chiusa la vela una nuova discesa ai piani per un pranzetto!

Nel primo pomeriggio decidiamo di spostarci sul versante N ed a suon di boline raggiungiamo la piramide costruita di fianco al lago, da lì saliamo dritti su per il vallone. Vasto, enorme, magnifico, terreno ideale per questa disciplina! In 30 minuti raggiungiamo lo spot dove lo scorso anno nel mese di giugno avevo girato un paio di volte, questa però voglio andare oltre! Raggiungiamo il colletto che lo scorso anno si presentava privo di neve e traversiamo dietro, dove la valle piega! Un altro lungo traverso ed eccoci finalmente in vista del seracco del Lamet! Mi spingo sotto, il canale è stretto e sui lati ci sono rocce, nessun errore permesso! Questo sarà il nostro limite massimo sul versante N, ma la prossima volta, noti ormai i percorsi e gli ostacoli, saremo preparati per passare il seracco e riaprire la vela sui plateau sommitali fino a raggiungere la croce di vetta!

La discesa, interminabile, su neve tutto sommato ancora molto sciabile si concluderà alle 19.30 alla macchina con un dislivello positivo nella giornata di circa 3000m! Indimenticabile!!!

Ric