• it
Guida Alpina - professionisti dell'alta quota

Archive for gennaio, 2016

Monte Flassin

Torno al S. Bernardo dopo qualche giorno per salire nuovamente per il vallone del Citrin e raggiungere l’omonimo colle da cui si diparte la cresta che raggiunge la vetta del monte Flassin. Le condizioni sono cambiate drasticamente, le temperature sono salite di diversi gradi e la qualità del manto nevoso somiglia di più a quella primaverile che a quella di pieno inverno! Usciti dal bosco la gita assume un carattere più piacevole, si arriva con gli sci fino a poco meno di 100m sotto la vetta. La discesa sul versante opposto è ancora ben innevata fino in paese e grazie ai molteplici passaggi sembra una pista a fine giornata!! Nel complesso questo giro ad anello risulta piacevole ed interessante per un dislivello positivo di circa 1450m.

Ric 27/01/2016

Canale del Pennacchio

Domenica: uscita con il Raid Surfer Club in occasione del corso di snowalp, ci siamo diretti nella zona del Gran S. Bernardo, una delle poche non troppo lontane da casa dove la neve non scarseggia!
Abbiamo risalito il vallone del Citrin e poi traversato fino all’imbocco, non così evidente, del canale.
La prima parte presenta neve lavorata dal vento, sotto la seconda strettoia, allargandosi nei boschi, si trova invece ancora un bel polverone con ampi spazi vergini. Nel complesso una sciata piacevole.
La nostra scelta è stata quella di arrivare a Crevacol e cavarcela con il pollicione per andare a riprendere la macchina, ci è costata circa un’ora di attesa al fresco. 8 gradi pomeridiani a Crevacol, freddo in effetti sarebbe ben altra cosa!

Ric 24/01/2016

Friends e nuts! 1-2/10

Corso di arrampicata in fessura, come proteggersi e come incastrare.
Sabato: giornata didattica in falesia
Domenica: test su via lunga

Riccardo
348-3989151

WE ghiaccioessci!

Sabato scappata in quel di Cogne dove le temperature son state bassissime ma il ghiaccio non è molto! Sì, via, ci sono le classiche e manco tutte! Noi abbiamo salito Candelabro del Coyote, comodamente al sole! Primo tiro magretto poi buona.
Domenica con i ragazzi del Raid ci siamo diretti alla Costa Tardiva, una delle poche gite percorribili di questo periodo di scarso innevamento e forti venti. Condizioni discrete nel bosco dove gli spazi vergini erano già però abbastanza ridotti.

Ric 17 Gen 2016

Tenerife climb & kite

E’ stata una fuga di qualche giorno dalle montagne senza neve! 1-10 Gennaio nell’isola dell’eterna primavera in cerca di vento e roccia! Un volo Ryanair ci ha depositati nell’aeroporto Sud dell’isola dove abbiamo noleggiato una vettura. Base a Costa del Silencio, a pochi chilometri dalla spiaggia kite di El Mèdano, non distanti dalle falesie.
L’isola raggiunge una quota massima di 3718m con il suo vulcano El Teide, il terzo più grande del nostro pianeta, la cui presenza è stata caratterizzante, in questi luoghi, per la tipologia delle rocce! Si scala solitamente in canyon su una roccia compatta, basaltica, caratterizzata da fratture nette. Molti itinerari sono chiodati, su altri ci si protegge a friends. Numerose le belle fessure! Gli ambienti sono solitamente suggestivi, la roccia rossa imbiancata di magnesite evidenzia bene le linee. La chiodatura è spesso distanziata, talvolta anche in maniera illogica, i gradi poco gentili! Si scala ad una quota compresa tra i 900 ed i 2000m sulle pendici del vulcano privilegiando l’ombra al sole! Chiaramente noi abbiamo scalato nelle giornate senza vento!!
Esistono anche delle zone di deep water solo che non abbiamo avuto modo di visitare, certo non è Maillorca ma dalle foto sembrano carine!
Un giro sul Teide merita! Quello che colpisce di più è il cambio vegetativo, l’attraversamento della “corona forestale” è molto suggestivo ed a tratti sembra di esser tra le nostre montagne. Sopra i 2000m l’ambiente cambia radicalmente e le rocce laviche la fanno da padrone. Una teleferica, volendo, porta fino a 4-500m sotto la punta!

Ric 15 Gen 2016